Cicloturismo e vacanze in bici

Cicloturismo e vacanze in bici: Consigli utili

di Annamaria Gloder 15/01/2022 11:55

Piste ciclabili, Bike Hotel, attrezzatura e consigli per il cicloturismo in Veneto e Trentino Alto Adige

Cosa s’intende per cicloturismo? La definizione che dà la Treccani è “turismo in bicicletta” e fin qui ci siamo arrivati tutti. Si viaggia in bicicletta per tanti motivi: per amore dello sport, per un minore impatto a livello ecologico, per assaporare a pieno il territorio e la natura. Pedalare verso le città d’arte, antichi borghi o cime solitarie è un piacere unico. L’Italia è un Paese ricco di memorie storiche. Usare la bici, anziché altri mezzi di trasporto per apprezzare tutto ciò, fa bene al corpo ma anche al cuore, regalandoti tantissime emozioni.

Il viaggio su due ruote è diventato una forma di turismo che conquista sempre più appassionati. Per darvi un’idea, da solo muove un giro d’affari di circa 7,5 miliardi di Euro l’anno, e nel 2021 ha registrato, secondo Legambiente , oltre 6 milioni di presenze in tutta Italia, pari al 9% del totale annuo. Dato il crescente interesse e la conseguente richiesta, negli ultimi tre anni sono stati stanziati 750 milioni con lo scopo di sviluppare la rete delle piste ciclabili nazionale.

Una curiosità: il primo uomo che girò il modo in bicicletta fu Paul de Vivie, un francese che faceva come lavoro il rappresentante di tessuti. Commerciava con la Cina e l’Inghilterra, Paesi in cui l’utilizzo della bici è sempre stato molto diffuso, così cominciò ad apprezzare l’uso del veicolo a due ruote, tanto che nel 1889 fondò il primo club di cicloamatori turistici d’Europa.

Bici sul prato cicloturismo

Cucloturismo in Veneto

Per gli amanti della bici da strada e della MTB, il Veneto offre itinerari molto variegati: dal mare alla montagna, dal lago alla collina. Tra i più belli e suggestivi? Eccoli:

  • Le Colline del Prosecco in mountain bike , un percorso che parte da Asolo, uno dei borghi più belli d’Italia e termina a Vittorio Veneto.
  • La via del mare che parte da Rovigo e termina a Portogruaro. Sono circa 250 Km. attraversando la foce di diversi fiumi, arrivando al mare (Venezia, Caorle, Bibione, Chioggia).
  • La Valpolicella e l’Amarone che si conclude a Verona.
  • Dalle Dolomiti a Venezia. Si parte da Cortina d’Ampezzo , si percorre una pista ciclabile che un tempo era una ferrovia e si prosegue per Belluno, Vittorio Veneto, Conegliano, Treviso, Mestre e Venezia.
  • La ciclabile della Valsugana, conosciuta come la ciclabile del fiume Brenta, che parte da Bassano del Grappa e arriva ai laghi di Levico e Caldonazzo.

Cicloturismo in Trentino Alto Adige

Il Trentino Alto Adige non è da meno. In questa regione ci sono 400 Km di piste ciclabili tra le più belle d’Italia, percorribili tra montagne e laghi, snodandosi tra le Dolomiti, il Lago di Garda e le Prealpi. Vediamoli insieme:

Itinerario mountain bike
Pianificare l’itinerario prima di partire è indispensabile

Bike Hotels e Alloggi

Il cicloturista quando decide di organizzare la propria vacanza in bici, si affida ai Bike Hotel a ad alloggi attrezzati dove soggiornare. Sono delle strutture specializzate per raccogliere tutte le loro esigenze, con piccole officine e noleggio bici. Offrono anche un supporto per quanto riguarda mappe e percorsi. Al loro interno magari si possono anche trovare una palestra o un’area benessere, dove potersi rilassare dopo aver pedalato per una giornata. Molto spesso in questi Bike Hotel si possono trovare anche delle figure esperte per consigliare i vari percorsi da affrontare nella zona.

L’Hotel Garden Relais, partner del Team Cani & Porci, offre un ottimo supporto tecnico e non solo ( è presente una bellissimo spa e una piscina in cui potervi rilassare a fine corsa!) a tutti coloro che volessero trascorrere una vacanza in bici attraverso i territori degli Ezzelini, tra Asolo, Bassano del Grappa e Treviso o cimentarsi sulle strade che portano sulla cima del Monte Grappa.

Non dimentichiamo poi i campeggi. Forse le prime strutture che hanno dato il via a questa forma di vacanza, risultano essere tra le preferite dai turisti in bicicletta, data la loro diffusione e la piu facile reperibilità. Ricordiamo poi che il campeggio libero è vietato dalla legge, anche se tollerato in alcune zone.

Ci sono molti siti che aiutano a reperire questi alloggi adatti a voi! Ecco alcuni link utili da visitare.

gardenrelais mountainbike slider2
Garden Ralais

Viaggiare con i bambini

Vacanze in bici con percorsi facili per tutta la famiglia con bambini e ragazzi…perché no? Se sono piccoli i bimbi possono essere trasportati nei comodi rimorchi progettati proprio per loro (dai un occhiata a questo link). Sia in montagna, sia in zona di mare, vicino al lago o in collina, esistono tratti pianeggianti, poco faticosi e bellissimi con tante occasioni di divertimento. Poi, quando la fatica comincia a farsi sentire , basta fermare la pedalata e rifocillarsi con il pic-nic preparato prima di partire.

In Veneto esiste la pista ciclabile tra Calalzo di Cadore e Dobbiaco, passando per Cortina D’Ampezzo e Pieve di Cadore. Il percorso è immerso nella natura, si snoda per 72 Km ed è adatto alle famiglie per le pendenze non eccessive. Durante il tragitto ci sono soste speciali come Happy Park a Borca di Cadore dove i bambini possono giocare. In Trentino Alto Adige invece esiste il tratto Levico/Caldonazzo adatto proprio ai bimbi.

Alcuni collegamenti utili per le vacanze in compagnia dei vostri bimbi.

Rimorchio Bici Porta-Bimbo
Il Rimorchio Bici Porta-Bimbo può essere una soluzione utile e pratica per portare i piccoli in viaggio

Attrezzatura per il cicloturismo

Naturalmente ci vuole la passione, impegno e fatica. Per questo motivo è necessario scegliere una bici adatta al percorso programmato: la mountain bike e la gravel sono perfette per percorsi misti e sconnessi, la city bike per le più agevoli piste ciclabili, la bici da strada per percorsi più lunghi e ondulati. Se non siete particolarmente allenati potete optare per le recenti E-bike. Attenzione però: ricordate di controllare lungo il percorso la presenza di colonnine di ricarica. Questo link può fare al vostro caso.

Capitolo a parte per l’attrezzatura. Il cicloturista sa che, indipendentemente dalla presenza o meno di strutture attrezzate sul percorso, dovrà essere pienamente autosufficiente, per poter fronteggiare problemi tecnici e non solo, anche in base alla stagione in cui si decide di viaggare.

Deve programmare il tour, andando a conoscere il territorio che si vuole percorrere utilizzando mappe cartografiche o semplici applicazioni GPS; questo dà più sicurezza e senz’altro evita brutte sorprese. La sezione Itinerari del nostro sito contiene molte tracce gpx di percorsi da poter sfruttare e caricare sui vostri dispositivi.

Nello zaino, oltre al bagaglio, non deve mancare mai un kit di manutenzione per eventuali riparazioni, un kit di primo soccorso, un powerbank per poter ricaricare i vari dispositivi, barrette energetiche, sali minerali e frutta secca per una pausa rigenerante e, perché no, un buon libro.

Per i bagagli è poi indispensabile un portapacchi a cui legare le varie borse posteriori, delle borse da manubrio ed infine uno zaino capiente ma non eccessivamente ingombrante.

I dispositivi di protezione sono indispensabili: il casco è di fondamentale importanza, così come le luci anteriori e posteriori obbligatorie da quest’anno.

Vi consiglio la lettura di questo articolo, pubblicato su ideegreen.it, in cui l’autore riporta un elenco molto dettagliato dell’attrezzatura tipo del cicloamatore.

Libri per le vostre vacanze in bici

Ecco alcune letture consigliate per preparare o semplicemente conoscere meglio il cicloturismo in Italia e non solo.

Appuntamenti

A Milano, il 12 e 13 Marzo 2022, presso la La Fabbrica del Vapore, si svolgerà la Fiera del Cicloturismo. Organizzata da Bikenomist, società rivolta alla comunicazione e nella promozione di eventi nel mondo delle due ruote, ha lo scopo di sensibilizzare e promuovere questa forma di turismo attraverso talks, incontri e stands dedicati. Evento aperto non solo a esperti del settore, ma anche a famiglie e persone che vogliono conoscere meglio questa crescente realtà.

Fiera del Cicloturismo logo
Fiera del Cicloturismo, dal 12 al 13 Marzo 2022, presso la Fabbrica del Vapore, Milano

Conclusioni

Chi sceglie di pedalare per andare in vacanza, lo fa molto spesso non solo per praticare attività fisica, ma per godersi il panorama in tranquillità, la velocità non è importante. Per molti il viaggio in bici diventa un vero e proprio viaggio interiore; si pedala in mezzo alla natura e si riflette senza nessun tipo di stress.

Si tratta quindi di una scelta molto più profonda di quanto non si possa credere.

Nota finale. Finire la vacanza prima del previsto perché, dopo un caffè, la bici non si trova nel posto in cui l’avete lasciata, vi farebbe tornare a casa più stressati di prima. Per questo motivo ecco uno store dove poter acquistare un buon lucchetto!

Buon Viaggio!

Condividi questa pagina sulle tue pagine social:

di Annamaria Gloder 15/01/2022 11:55

Lascia un commento

Tutti le news
A.S.D. Team C. & P., Via Jacopo da Ponte 23, 36022 Cassola. P.iva 03726930245 Cookie e Privacy Policy Design By Marco Berdin